L’amore, il piacere e la gioia

Il piacere e la gioia sono fondamentalmente due espressioni di esperienze umane strettamente connesse tra loro.
Di solito pensiamo al piacere come a una cosa e alla gioia come un’altra, completamente diversa.
Certo, sono due forme diverse, che però si richiamano e sono strettamente collegate..
Per dare un’immagine direi che sono come le due facce di una stessa medaglia.
Sono espressioni delle due dimensioni dell’unico essere umano.
Sono esperienze fatte da quelle due parti che costituiscono l’essere umano, il corpo e la psiche, ma partono dallo stesso individuo e quindi sono essenzialmente unite.
Quando noi parliamo di gioia ci riferiamo a un fenomeno che è fondamentalmente psichico e interessa lo spirito umano.  La gioia è un’emozione, è un sentirsi particolarmente toccati nel nostro intimo, nel nostro cuore.
Quando parliamo di piacere invece ci riferiamo a un fenomeno che è soprattutto corporeo.
Il piacere lo troviamo nel corpo, però, siccome il nostro spirito, il nostro cuore e il nostro corpo sono legati, sono un tutt’uno, non possiamo pensare alla gioia staccata dal piacere.
La gioia è un’emozione che parte dal nostro cuore, che però tende a irradiarsi alla superficie esterna del nostro corpo, coinvolgendolo, perciò  quando uno è pieno di gioia , salta di gioia, questa sua emozione psichica si manifesta attraverso modi caratteristici di agire corporeo.
Se abbiamo capito che il piacere vero è la conseguenza della gioia, perché è un fatto fisico che ha una sua radice interiore, e se abbiamo capito che la gioia si ha quando c’è la percezione di aver raggiunto un bene, allora è chiaro che se vogliamo conoscere la gioia dobbiamo cercare il bene.
Dobbiamo cercare i valori, cioè quello che ci dà la possibilità di affermarci, di realizzarci come persona, di arricchirci…, cioè quello che è il nostro vero bene.
Se noi cerchiamo il bene avremo la gioia come naturale conseguenza.
E, come conseguenza della gioia, avremo anche il piacere.
Qual è il vero bene che tutti, e in particolare le coppie, devono cercare?
Il bene che sta alla base del cuore umano, quello che muove la ricerca della gioia, la ricerca del piacere, che dà veramente il tono e definisce l’essere umano qual è?   Diciamolo in latino: “amare et  amari”, cioè amare ed essere amati.
Ecco qui il punto.
L’amore è il fondamento della gioia e del piacere.
Se abbiamo chiarito questo concetto, se vogliamo veramente godere, se vogliamo la felicità coniugale non dobbiamo ricercare il piacere fine a se stesso, o la gioia fine a se stessa, o la felicità fine a se stessa, dobbiamo cercare l’amore, perché esso è il fondamento e la causa del piacere e della gioia.

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento

Subscribe without commenting