I punti di forza e di stanchezza

Si dovrebbero rispettare i punti di forza e di stanchezza dell’altro: un uomo per esempio, a differenza di una donna, è capace di staccare ogni tanto la spina – e contrariamente a molte mie amiche io penso che questo sia un punto di forza – e di riposarsi quando ne ha bisogno per mantenere la lucidità che serve a tutti. Noi che come Fausto Coppi non molliamo mai, e ci passiamo la borraccia in corsa pur di non fermarci a bere, facciamo un po’ fatica a capire la sua logica a corrente alternata, e a permettere che si riposi, per esempio evitando di assalirlo al ritorno dal lavoro.
Perciò vorrei dire a Giorgia di astenersi almeno dall’aspettare Paolo al cancello per mollargli i bambini in braccio e cominciare a lamentarsi, quando lui torna a casa. Perché in quel momento lui ancora pensa al progetto da stampare o, in alternativa, a quale fantasiosa forma di tortura adottare con i suoi operai che hanno combinato quel disastro – se sia meglio strappare loro le unghie con le tenaglie o costringerli alla visione coordinata e continuativa di tutti i film tratti dai romanzi di Jane Austen. In quel momento, al ritorno a casa, l’ultima cosa che vuole al mondo è essere messo a parte di qualche altro problema, o costretto a fare il puzzle di Winnie the Pooh o il soffritto.

Ci sono anche giorni in cui, per una serie di errori non imputabili a lei, Giorgia si trova a essere di buon umore, ma sono rari e le cose tornano presto a posto, essendo lei fedele al motto che da tempo ha fatto suo: «l’unico giorno facile era ieri» (è delle forze speciali della fanteria americana: avere un figlio tredicenne allarga i tuoi orizzonti culturali).

Se lei sapesse che cominciando a servire il suo uomo risveglierebbe in lui la voglia dì alzare un muro forte per lei e i figli, lo farebbe con gioia e generosità, con slancio.
Tutto questo c’entra poco o niente con chi lava i piatti, ma c’entra molto, invece, con l’essere uomo e donna adulti. Nella chiamata dal nulla all’esistenza, Dio ha creato il mondo per regalarlo all’uomo, ha creato l’uomo per regalarlo alla donna, e la donna per regalarla all’uomo, come dice Wojtyla. È la dimensione del dono – fondamentale, radicale perché viene dal nulla – la verità della creazione. La nostra verità. Anche l’uomo alla fine è un regalo per il mondo. Un uomo che insieme alla donna soggioga la terra e domina gli animali (Paolo, ti prego, caccia i cani dal divano, perché fatalmente dove viene idolatrato l’animale è l’uomo a fare una brutta fine).

E vorrei dire per l’ultima volta a Giorgia che la regola del servizio libero funziona benissimo con gli uomini, i quali non sopportano costrizioni (no, ragazzi, la regola non vale per voi, sotto i tredici anni no, mi dispiace, non aspetterò che nasca in voi spontaneo il desiderio di riordinare i Lego, né un afflato, un’armonia celeste che vi sospinga e vi suggerisca di andare a studiare): il servizio consegna nelle nostre mani la dedizione dell’uomo, e il suo servizio, a sua volta. Solo che questa volta verrà con il sorriso. Devo però puntualizzare che rispetto ai nostri amici Giorgia e Paolo noi siamo avvantaggiati, perché siamo sposati. Abbiamo preso un impegno (mio marito nega, ma c’era, l’ha detto, l’ho sentito bene) e questo cambia prospettiva come in una rivoluzione copernicana: non è che stiamo insieme finché ce la facciamo, ma facciamo di tutto per stare insieme meglio possibile, visto che comunque ci staremo per sempre. In più noi abbiamo la grazia, e quella è l’arma segreta, il superbonus. La grazia che fa nuove tutte le cose. Un aiuto vero, concreto, che provvede veramente. Tanto che io a volte penso che mi sono sposata in chiesa (e quella volta alla messa non mi sono neanche addormentata) perché mi piace vincere facile.

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento

Subscribe without commenting